Biocarburanti: Moretto (Iv), riallineare norme a quelle Ue

“E’ urgente rimediare all’errore commesso durante la lettura al Senato delle Legge di delegazione europea riallineando la legislazione nazionale a quella Ue in tema di graduale eliminazione dell’olio di palma, di soia e derivati dalla miscelazione al carburante e dalla produzione elettrica rinnovabile. Un impegno necessario per salvaguardare le attività e gli investimenti in questo comparto strategico del Paese”. Lo prevede un ordine del giorno, approvato alla Camera, a firma di Sara Moretto, capogruppo di Italia Viva in Commissione Attività produttive.

“La Direttiva RED II – spiega – dispone la graduale eliminazione di questi oli a decorrere dal 31 dicembre 2023 ed entro il 31 dicembre 2030 e su tali orizzonti si sono tarati gli investimenti della nostra industria dei biocarburanti. Le modifiche introdotte nella legge italiana impongono invece l’immediata e totale esclusione di tali componenti dal 1 gennaio 2024. Così facendo l’Italia si porrebbe in diretto contrasto alla Direttiva europea. Questo espone il Paese a responsabilità extracontrattuali e ad azioni risarcitorie, oltre a mettere a repentaglio la buona riuscita degli investimenti effettuati in Italia e lo stesso conseguimento degli obiettivi fissati dal Governo lo scorso anno con il Piano energia e clima (Pniec) sulla penetrazione delle fonti rinnovabili nel settore dei trasporti”.

“Se la chiave del Green Deal è la transizione ecologica, occorre preservare un comparto dell’energia destinato a rivestire un ruolo fondamentale nella prossima fase di rilancio del Paese, sia nell’ottica del Recovery Plan che degli obiettivi europei di decarbonizzazione”, conclude.

Video

Link

Newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per maggiori info.

© 2021 Sara Moretto | Tutti i diritti riservati | Powered by VISYSTEM

Privacy Policy Cookie Policy

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart