Comunicati Stampa, Notizie
Sprechi, in Legge di bilancio semplificazione, ampliamento e apertura al terzo settore

Sprechi, in Legge di bilancio semplificazione, ampliamento e apertura al terzo settore

Ampliamento del paniere dei beni donabili, semplificazione, apertura al Terzo Settore : queste le novità introdotte dagli emendamenti alla Legge di Bilancio presentati dalla deputata del Pd Sara Moretto, insieme a Maria Chiara Gadda. “L’emendamento a mia prima firma – spiega l’on. Sara Moretto – consente di coordinare la legge 166/2016, cosiddetta legge “antisprechi”, con la riforma del Terzo Settore intervenuta successivamente. In particolare estendendo i benefici fiscali della legge 166 anche agli enti del terzo settore che si iscriveranno nell’istituendo registro unico nazionale, ivi incluse cooperative ed imprese sociali”.
“L’altro emendamento proposto dall’on. Gadda firmataria della legge, e da me sottoscritto, semplifica ulteriormente la burocrazia e il fisco, estende i benefici fiscali anche ad altri prodotti essenziali per le persone in difficoltà” aggiunge l’on. Moretto. Si tratta di prodotti per l’igiene personale e della casa, i biocidi, presidi medico chirurgici e prodotti farmaceutici, materiali di cancelleria e cartoleria. Per quanto riguarda i farmaci, in particolare, viene allargata la platea dei donatori, includendo le farmacie, le parafarmacie, i grossisti, le aziende titolari di autorizzazioni all’immissione in commercio di farmaci.
“Questi emendamenti – conclude la deputata dem – sono stati condivisi, e per questo molto attesi, dagli enti del Terzo Settore e dalle imprese che hanno contribuito a questo risultato. Con queste novità la legge 166 si rafforza e si completa dando vigore a due principi costituzionali fondamentali: la solidarietà e la sussidiarietà”.
Si ricorda, infine, la recente attivazione della piattaforma #iononsprecoperche’, che raccoglie esperienze e informazioni utili per chi dona e per chi riceve. Tra le buone pratiche il caso veneto di San Stino di Livenza, primo in Italia ad aver introdotto nel regolamento della TARI uno sconto fino al 20% della parte variabile della tariffa per le attività che effettuano le donazioni alimentari.

Condividi

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Video

LINK