Comunicati Stampa, Notizie
Legge speciale per Venezia, un emendamento dell’on. Moretto (Pd) per raddoppiare  le risorse ai comuni della gronda: “Il governo convochi il comitatone per ripartire  le risorse già stanziate”

Legge speciale per Venezia, un emendamento dell’on. Moretto (Pd) per raddoppiare le risorse ai comuni della gronda: “Il governo convochi il comitatone per ripartire le risorse già stanziate”

Maggiori risorse per la salvaguardia della laguna di Venezia e un raddoppiamento dei fondi a disposizione per i comuni della gronda. È quanto prevede un emendamento alla legge di bilancio a firma della deputata veneziana Sara Moretto del Pd, che sarà votato questa settimana in Commissione Bilancio della Camera. Il testo, nel dettaglio, prevede un incremento dai 40 milioni complessivi oggi a bilancio a un totale di 80 milioni, portando a 60 milioni il finanziamento per Venezia e a 20 milioni quello per i comuni della gronda (Codevigo, Campagna Lupia, Mira, Quarto d’Altino, Jesolo e Musile di Piave), per ciascuno degli anni dal 2019 al 2024.

“Lo scorso anno, con un emendamento a mia firma, per la prima volta in assoluto erano state stanziate risorse per i Comuni della gronda, in un’ottica di salvaguardia della laguna ad ampio raggio – ricorda la deputata -. All’epoca abbiamo di fatto inaugurato un principio innovativo, ma corretto, che vede l’intero territorio, e non solo la città di Venezia, responsabile della tutela dell’ambiente lagunare. Ora, con questo mio nuovo emendamento, voglio che sia confermato questo principio garantendo maggiori risorse”.

L’on. Moretto sollecita, a questo proposito, la ripartizione delle risorse stanziate dalla precedente legge di bilancio. “Trovo inaccettabile che i fondi assegnati siano bloccati dall’inadempienza del governo, che non ha ancora convocato il Comitato interministeriale – evidenzia -. I sindaci sono ancora in attesa di questi fondi, che erano stati loro garantiti. Sono stata informata di una lettera ufficiale inviata dai sindaci referenti in seno al comitato per sollecitare questo provvedimento. Mi unisco alla loro richiesta, non si può tergiversare ancora”.

Condividi

Articoli simili

Iscriviti alla Newsletter

Video

LINK

                                   

                                   

Cerca